Scrivere un diario di viaggio

Come e perché scrivere un diario di viaggio?
Io stessa non ne sentivo il bisogno (a dirla tutta non ci pensavo nemmeno), fino a poco tempo fa, quando mi è stato chiesto di raccontare un viaggio che ormai avevo fatto da diverso tempo. Il risultato? Un racconto annebbiato, privo di emozioni. Ed è allora che ho capito: scrivere un diario di viaggio è importante, perché
 ci permette di conservare i nostri ricordi e di riviverli raccontandoli agli altri.

Diario di viaggio o guida illustrativa?

La differenza tra un diario di viaggio e una guida illustrativa sta tutta nel contenuto. Non cambia l’argomento ma bensì il modo in cui viene trattato. Un diario di viaggio racconta esperienze, emozioni, stati d’animo e punti di vista di chi lo redige, cosa che le semplici guide illustrative sicuramente non fanno.   L’esperienza di viaggio è quanto di più personale esista al mondo. Sei tu che hai viaggiato, sei tu che hai provato determinate emozioni e sei tu che le stai raccontando. Non limitarti a fornire informazioni: quello lascialo fare alle guide turistiche!

Preparazione

Il primo passo da fare è quello di scegliere l’album sul quale andrai a scrivere tutte le tue esperienze di viaggio. Quaderno? Quadernone ad anelli? Formato A4?  Formato A5? La scelta è solo tua. L’importante è che piaccia a te.

Ora devi fare un’altra cosa importantissima: schematizzare il viaggio, delineando tutte le varie tappe, inclusi voli, spostamenti via terra e luoghi visitati.

Cosa scrivere in un diario di viaggio? 
1. Impressioni
2. Fatti accaduti
3. Momenti divertenti 
4. Nomi di luoghi (ristoranti in cui avete pranzato, albergo nel quale avete soggiornato)
5. Cibi preferiti e cibi tipici del posto
6. Eventi ai quali avete partecipato
7. Racconti e tradizioni

Conoscere il nuovo paese

Non capirai mai realmente la cultura di un paese se non provi almeno una volta il suo cibo tipico! Il mancato assaggio delle sue specialità potrebbe addirittura penalizzare la tua esperienza perché i rimpianti sicuramente si faranno sentire. Ma non limitarti al cibo: le espressioni dialettali, i modi di dire, le strane abitudini o gli stili di vita… sono tutte cose che arricchiranno il tuo bagaglio culturale facendoti crescere, in primo luogo, come persona. 

Conservare i ricordi

Se visiti un museo o se utilizzi un mezzo pubblico ricordati di conservarne il biglietto. Ma non limitarti ai biglietti: conserva eventuali scontrini, brochure, mappe, indirizzi, numeri di telefono, volantini…sono tutti pezzi importanti che contengono informazioni preziose e utili sia per scrivere il diario che per ricordare le emozioni del viaggio. 

Trascrivere le emozioni

Ricordati sempre che lo scopo del tuo diario di viaggio è quello di ricordare, a distanza di anni, un’esperienza fatta di luoghi, persone, sapori, suoni ed emozioni. Scrivere un diario di viaggio non ti aiuta solo a ricordare alcuni dei momenti più importanti della tua vita, ma ti aiuta anche a crescere.

E voi avete un diario di viaggio? Cosa scrivete maggiormente?

You may also like...

Ehi! Fammi sapere cosa ne pensi