Una passeggiata ai musei vaticani

Finalmente sono riuscita a vedere la vera ricchezza della Città Eterna, i Musei Vaticani: una delle raccolte d’arte più grandi del mondo. Fondati da papa Giulio II nel 1506 e aperti al pubblico nel 1771, i Musei Vaticani comprendono i Musei (come la pinacoteca vaticana, che contiene opere di Raffaello e Caravaggio) e gli ambienti visitabili dei palazzi Vaticani (gallerie, cappelle e sale). 

Impressionante la Galleria della carte geografiche, senza ombra di dubbio una delle mie parti preferite della visita. La galleria è posta lungo l’itinerario che conduce alla Cappella Sistina (impossibile quindi non vederla) e ospita ben quaranta carte delle varie regioni d’Italia, ciascuna con le mappe delle principali città.

La permanenza all’interno dei Musei è di circa 2/3 ore, ma tutto dipende dal grado di curiosità di ognuno. Noi, per esempio, non avevamo nessuna guida (sbagliatissimo se si vuole capire meglio quello che si vede) e siamo rimasti all’incirca tre ore.

Informazioni utili

L’ingresso dei Musei Vaticani si trova in Viale Vaticano ed è possibile arrivarci prendendo la Metro A scendendo alla fermata Ottaviano, oppure con qualunque autobus arrivi a Piazza Risorgimento.

Il biglietto costa normalmente 16 euro. Tuttavia, se volete evitare totalmente la fila, potete comprarlo online con un supplemento di 4 euro. I musei sono visitabili dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle ore 18.00 (ultimo ingresso alle 16.00) e gratuitamente l’ultima domenica del mese, dalle ore 9.00 alle ore 14.00 (ultimo ingresso alle 12.30).

You may also like...

Rispondi